CONTEST Prima edizione

innesto creativo al Corposamente festival 2016.

Dedicato l’arte audiovisiva site-specific, quest’anno celebra la facciata dello storico Palazzo Grossi di Castiglione di Ravenna, sede del Festival.

Il contest pone l’accento sull’utilizzo della tecnologia contemporanea di video mapping, una tecnica di proiezione che incorpora concept, visual designer, music designer, dando dimensioni emotive a più livelli a immobili e oggetti creando  narrazioni audiovisive.
Il tempa di questa prima edizione è dato da 4 elementi naturali:

il fuoco, l’aria, l’acqua e la terra, da tempo immemorabile fonti d’ispirazione per gli uomini, diventando strumenti e punti di riferimento per riti cosmogonici, religioni e tradizioni magiche.

“Conosci innanzitutto la quadruplice radice di tutte le cose…”

Empedocle indica Zeus, dio della luce celeste come il Fuoco
Era, la sposa di Zeus è l’Aria
Edoneo, il dio degli inferi, la Terra
Nesti, la ninfa, l’Acqua

CONTEST

Contest  aperto a tutti gli artisti di età inferiore ai 35 anni, residenti in Europa, che hanno presentato un progetto pronto per la messa in onda entro il 25 luglio 2016 si è chiuso.

PREMIATI

I migliori lavori verranno proiettati sul Palazzo Grossi nelle due serate del  Corposamente Festival, fra questi verrà decretato il vincitore.

Il vincitore riceverà un premio di €1000viaggio, vitto e alloggio per avere la possibilità di ritirarlo di persona nelle serate del Festival.

GIURIA

La giuria, presieduta da Andrea Bernabini – composta da esperti del settore e direttori artistici di Festival Europei gemellati: Roberto Costantini (Creative 3D Artist) e Sara Caliumi (Visual Art Designer 3D) Prospectika (Italia); Pep Pla, Direttore Artistico TNT nuove tendenze festival (Spagna); Direzione Artistica Passage Festival (Danimarca), Officina Meme, Studio di Architettura- sta ora valutando i progetti e comunicherà il vincitore durante le serate del festival

 

il 5 e 6 agosto 2016 a Festival

Ringraziamo i partecipanti e ringraziamo in particolare i due principali sposor di questa iniziativa

immagini e suoni Bolognaneo visual project Ravenna